La psicologia del tradimento

primo tradimento
Il primo tradimento
23 July 2014
mogli italiane
Quanto tradiscono le mogli italiane?
30 July 2014

La psicologia del tradimento

psicologia del tradimento

Dietro ogni tradimento c’è una storia. E chi meglio di uno psicologo può andare a fondo? La psicologia del tradimento cerca non solo le cause dell’infedeltà, ma analizza anche il modo di elaborare e superare i problemi di coppia, per ritrovare l’armonia perduta o dare un taglio a storie ormai finite.

Terapia dopo il tradimento

Si può andare in terapia dopo un tradimento sia da traditi che da traditori. Altrettanto comune ed efficace è la terapia di coppia, dove i coniugi o i fidanzati affrontano ed elaborano il post tradimento, cercando di rimettere assieme i cocci.

Ma è davvero efficace la psicologia dopo un tradimento? Si, quando aiuta ad andare a fondo, a diventare consapevoli delle motivazioni che hanno spinto a tradire. Il rischio, senza la terapia, è quello di accumulare frustrazioni e risentimenti, o andare avanti per inerzia nel rapporto di coppia.

Come sottolinea Umberto Galimberti, i rapporti intimi sono quelli più a rischio di tradimento, a partire dal rapporto madre-figlio che è il prototipo di tutte le relazioni simbiotiche.

Il primo passo, il primo momento fondamentale è comportarsi da persone mature, e gestire un tradimento senza decisioni affrettate.

Sia l’infedele che la persona ferita vivranno probabilmente un conflitto molto forte, ma è indispensabile che dopo lo shock della scoperta o della confessione, non si prendano decisioni brusche, specie se il tradimento è stato un episodio occasionale.

Cosa può fare una coppia matura? Scegliere di rivolgersi a uno psicologo, a un terapeuta, per capire meglio come affrontare la situazione critica.

Per farlo hanno a disposizione diversi indirizzi terapeutici, ciascuno caratterizzato da un approccio specifico anche per il lavoro sulla coppia.

Molto utile, dopo un tradimento, può rivelarsi la terapia cognitiva, che fa emergere tutti quei vissuti e quegli stressors che incidono nell’equilibrio di coppia. In quest’ottica il tradimento è spesso agevolato da alcuni comportamenti che, lentamente, rendono meno coeso il progetto a due. Qualche esempio?

1. Non vengono risolti i conflitti;
2. Si evitano le situazioni difficili senza affrontarle;
3. Il sesso non è gratificante, o addirittura manca;
4. La coppia non riesce a vivere una vera intimità, ed è sommersa dalla routine quotidiana;

Anche la terapia sistemico-relazionale è veramente efficace per elaborare un tradimento, lavorando sulla coppia e le interazioni con l’ecosistema familiare ed amicale. Nella sistemico-relazionale si lavora non solo sulla consapevolezza dei conflitti, ma anche sull’origine degli stessi, spesso legata alla nostra vita sociale ed al contesto familiare.

La terapia sistemico-relazionale è utile anche per vivere meglio una separazione, senza sfociare in rapporti conflittuali e rancorosi con l’ex coniuge.

Insomma, la terapia di coppia può aiutare in diverse direzioni: da un lato ci fa capire perchè abbiamo tradito, e ci fornisce gli strumenti per evitare l’insorgere di nuovi problemi. Dall’altro aiuta ad affrontare il tradimento e le emozioni ad esso conseguenti, imparando a riconoscerle o gestirle. In alcuni casi la coppia può scegliere di lasciarsi dopo la terapia, ma è un’evenienza da non escludere e che è bene considerare dopo un serio percorso introspettivo.

Il counseling dopo un tradimento

Molto efficace è anche il counseling, una tecnica molto efficace per prendere consapevolezza non solo del proprio stato emotivo e psicofisico, ma anche essere orientati e sostenuti per la risoluzione del problema di coppia.

In caso di tradimento il counseling fornisce un’istantanea rapida della vita di coppia, nella direzione di un obiettivo preciso che può essere, ad esempio, la possibilità di continuare o meno la relazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *